Lavoro autonomo: recesso del committente

L’apposizione di un termine di durata al contratto per prestazione d’opera intellettuale costituisce deroga implicita alla facoltà  di recesso ad nutum ex art. 2237 c. 1 c.c.; ne consegue che al collaboratore, in caso di recesso anticipato del committente, devono essere corrisposti i compensi che sarebbero maturati sino alla scadenza predeterminata del rapporto (Trib. Milano 23/4/03, in D^L 2003, 64).